Agenzia per l’Italia digitale: obiettivo spendere 26 MLD per ICT PA

Written by Salvatore Lo Presti. Posted in eGovernment

26 miliardi di euro. Tanto è intenzionato a spendere Agostino Ragosa, dg dell’Agenzia per l’Italia digitale, per l’Ict della PA nei prossimi 5 anni. Di questi miliardi, circa 10 sono reperibili già nel biennio 2013-2014 tramite gare Consip. Nel dettaglio, l’azione dell’Agenzia si concentrerà sull’acquisto di progetti Ict per 3,5 miliardi e di commodity Ict per altri 3,5 miliardi e, infine, su infrastrutture di rete (Spc e servizi cloud, soprattutto) per ulteriori 3,5 miliardi. I restanti 16 miliardi saranno spesi per mettere in campo, nel lungo periodo, interventi complessi di pre-commercial procurement e di razionalizzazione dei data center dell’amministrazione.

Secondo Ragosa infatti la frammentazione del sistema Ict pubblico è ormai giunta a livelli insostenibili, con almeno 4mila data center (un numero che però potrebbe essere sottostimato) di natura e stadio evolutivo diversi: in pratica si tratta di punti di erogazione dei dati non sempre visibili, perché non censiti, e la cui sicurezza non in tutti i casi è certificabile. Soprattutto, i data center della PA non sono interoperabili, mentre il dialogo tra tutti i sistemi nazionali, e di questi con i sistemi europei, è imprescindibile per portare a cittadini e imprese servizi veramente utili e efficienti e al tempo stesso permettere alle amministrazioni di ridurre i costi.

[fonte: Corriere delle Comunicazioni]

Tags: , , , , ,

Trackback dal tuo sito.

Lascia un commento

Devi essere loggato per postare un commento.

Copyright © 2015 Netsquare srl - Via A. da Brescia, 7- 10134 Torino - P. IVA 10833830010                              Privacy